La Rinascente. Ieri, oggi e domani

Ha influenzato il gusto, lo stile, i costumi degli italiani. Dai suoi uffici sono passati i più grandi talenti creativi del '900, da Marcello Dudovich a Bruno Munari, da Max Huber a Mario Bellini, da Giorgio Armani ai Missoni. La Rinascente non è solo il primo Grande Magazzino italiano, ma un fenomeno culturale ed economico che ha attraversato oltre un secolo di storia del nostro paese. Un documentario per ripercorrere le tappe di una straordinaria avventura imprenditoriale iniziata con i fratelli Bocconi, e continuata con le dinastie Borletti e Brustio.

La scuola per sarti di Fernando Burgo

Quella di Fernando Burgo è una storia di successo. Un signore elegante che alla fine degli anni 50, come tanti altri figli della guerra, salì su un treno diretto al nord con una valigia di cartone piena di speranze. Oggi è il titolare e il direttore della più importante scuola italiana di taglio e cucito, che fornisce sarti e stilisti alle maggiori griffe: l'Istituto di Moda Burgo.

Leopoldo Pirelli: impegno industriale e cultura civile

La personalità dell'ultimo capitano di una stagione unica dell’industria italiana, visionario e senza paura del nuovo, ma anche schivo e poco mondano. A scandire il racconto, la voce di Toni Servillo, che legge il cosiddetto decalogo del buon imprenditore, la sintesi ultima del pensiero di Leopoldo, da dove emergono il forte senso di responsabilità nei confronti del Paese, dei collaboratori e dei dipendenti, ma anche l'umiltà e il poco attaccamento al comando.

1938: Arrivederci ragazzi - La scuola interrotta di Via Spiga

1938: il regime fascista adotta le leggi razziali e per gli ebrei non è più possibile frequentare le lezioni insieme agli altri bambini. Vengono relegati in sezioni pomeridiane, finchè nel '43 anche in Nord Italia è emanato l'ordine di deportazione. Molti ebrei finiscono ad Auschwitz, altri si salvano, fuggendo in Svizzera. Con i ragazzi dell'ICS Milano Spiga abbiamo incontrato quattro di questi sopravvissuti che, per un periodo, frequentarono proprio la scuola di Via della Spiga nelle sezioni speciali. Abbiamo ascoltato la loro testimonianza, prima di recarci al Giardino dei Giusti del Monte Stella, il luogo dedicato alla memoria, questa volta del bene.

Quando in Via Palermo si giocava alla Pelota

Lo Sferisterio di via Palermo fu nel dopoguerra il tempio della Pelota Basca in Italia. Uno sport venuto da lontano che in poco tempo diventò un passatempo di moda tra gli abitanti della Brera di quegli anni. Raccogliendo, tra il campo e gli spalti, un'umanità variegata, fatta di atleti amatoriali e professionisti, curiosi e appassionati, giornalisti e perditempo e soprattutto scommettitori.

Video del giorno

Racconti